Torna a Eventi FPA

partner

DIGIT PA


E' partner di

lunedì, 9 Maggio 2011

10:00
10:50

I siti web per la PA[w.27a]

Il Master, organizzato da DigitPA e ANCI,  è dedicato a illustrare, ai piccoli Comuni e ai Centri servizi territoriali, le opportunità che si presentano con un’efficace gestione dei contenuti veicolati dal web, in coerenza con  le indicazioni normative e tecniche previste nella Direttiva 8/2009 e nelle Linee guida per il miglioramento e la razionalizzazione dei siti web pubblici – quali, ad esempio, l’istituzione della figura del Responsabile del procedimento di pubblicazione dei contenuti e  l’iscrizione al dominio .gov.it.  Negli ultimi anni è infatti cresciuta la tendenza delle P.A. a veicolare le informazioni ai cittadini attraverso il consolidamento dei siti web istituzionali e la creazione di siti web specifici, legati a progetti e iniziative dell'ente stesso. Questa positiva spinta alla trasparenza dell’azione amministrativa è avvenuta, però, in assenza di indirizzi chiari e uniformi sui criteri da seguire per assicurare che le informazioni e i servizi offerti siano chiaramente presentati, raggruppati in modo organico, e facilmente raggiungibili dai cittadini. Le “Linee guida per i siti web della PA”, previste dalla direttiva n. 8/2009 del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'innovazione pongono rimedio proprio a questa lacuna.

lunedì, 9 Maggio 2011

11:00
11:50

Il nuovo codice dell’amministrazione digitale[w.30a]

Il Master, organizzato da DigitPA e ANCI,è dedicato a illustrare, ai piccoli Comuni e ai Centri servizi Territoriali, le  modifiche normative di maggiore interesse nel nuovo CAD.  Il d.lgs 235/10, entrato in vigore all’inizio del 2011, ha infatti apportato significative novità al Codice dell’Amministrazione Digitale, in termini di azioni concrete, obblighi e scadenze per le Amministrazioni. Un intervento di riforma effettuato con l’obiettivo di realizzare un reale miglioramento nei servizi erogati,  nell’organizzazione delle amministrazioni e nella loro capacità di interagire. Al centro delle novità introdotte, la stretta correlazione fra l’innovazione dei processi amministrativi e la valutazione del personale delle amministrazioni, con la possibilità di riutilizzare i risparmi ottenuti attraverso l’innovazione tecnologica per incentivare il personale interessato e per finanziare nuova innovazione. Verranno affrontati in particolare i temi del documento informatico, delle firme della posta certificata. Come ulteriore elemento di supporto , verranno inoltre illustrate le azioni di accompagnamento alle amministrazioni previste nel testo normativo, quali la definizione puntuale di regole tecniche e linee guida di riferimento, la cui stesura è esplicitamente affidata dal CAD a DigitPA.

lunedì, 9 Maggio 2011

12:00
12:50

Il governo dei contratti ICT[w.29a]

A beneficio dei piccoli Comuni e dei Centri servizio territoriali, DigitPA, in collaborazione con ANCI, organizza un Master sui temi della gestione dei contratti ICT finalizzati alla realizzazione di progetti e per la fornitura di beni e servizi, in termini di struttura organizzativa, ruoli, attività, metodi più diffusi, documenti di pianificazione e di controllo, sistema di comunicazione tra il fornitore e l’amministrazione. Saranno fornite indicazioni operative riguardo le fasi che compongono il ciclo di vita della Verifica dei Risultati degli Interventi ICT d’ Innovazione. Le verifiche possono intervenire sia durante la realizzazione dell’intervento (valutazione in itinere), sia dopo un opportuno lasso di tempo dal completamento dell’intervento (valutazione ex post), in modo che sia incluso l’impatto prodotto dal progetto e verificati gli esiti generati. Verrà inoltre presentato il “Dizionario degli indicatori per la verifica dei risultati", utilizzabili per la misure di valutazione. Misure di avanzamento lavori (SAL), di conduzione dell’intervento (tempi, costi, performance), di quantità e qualità dei risultati generati,  di esito generato (benefici, ricadute, impatti), di valutazione finanziaria (rendimento, punto di pareggio).

martedì, 10 Maggio 2011

10:00
10:50

I siti web per la PA[w.27b]

Il Master, organizzato da DigitPA e ANCI,  è dedicato a illustrare, ai piccoli Comuni e ai Centri servizi territoriali, le opportunità che si presentano con un’efficace gestione dei contenuti veicolati dal web, in coerenza con  le indicazioni normative e tecniche previste nella Direttiva 8/2009 e nelle Linee guida per il miglioramento e la razionalizzazione dei siti web pubblici – quali, ad esempio, l’istituzione della figura del Responsabile del procedimento di pubblicazione dei contenuti e  l’iscrizione al dominio .gov.it.  Negli ultimi anni è infatti cresciuta la tendenza delle P.A. a veicolare le informazioni ai cittadini attraverso il consolidamento dei siti web istituzionali e la creazione di siti web specifici, legati a progetti e iniziative dell'ente stesso. Questa positiva spinta alla trasparenza dell’azione amministrativa è avvenuta, però, in assenza di indirizzi chiari e uniformi sui criteri da seguire per assicurare che le informazioni e i servizi offerti siano chiaramente presentati, raggruppati in modo organico, e facilmente raggiungibili dai cittadini. Le “Linee guida per i siti web della PA”, previste dalla direttiva n. 8/2009 del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'innovazione pongono rimedio proprio a questa lacuna.

martedì, 10 Maggio 2011

11:00
11:50

Il governo dei contratti ICT[w.29b]

A beneficio dei piccoli Comuni e dei Centri servizio territoriali, DigitPA, in collaborazione con ANCI, organizza un Master sui temi della gestione dei contratti ICT finalizzati alla realizzazione di progetti e per la fornitura di beni e servizi, in termini di struttura organizzativa, ruoli, attività, metodi più diffusi, documenti di pianificazione e di controllo, sistema di comunicazione tra il fornitore e l’amministrazione. Saranno fornite indicazioni operative riguardo le fasi che compongono il ciclo di vita della Verifica dei Risultati degli Interventi ICT d’ Innovazione. Le verifiche possono intervenire sia durante la realizzazione dell’intervento (valutazione in itinere), sia dopo un opportuno lasso di tempo dal completamento dell’intervento (valutazione ex post), in modo che sia incluso l’impatto prodotto dal progetto e verificati gli esiti generati. Verrà inoltre presentato il “Dizionario degli indicatori per la verifica dei risultati", utilizzabili per la misure di valutazione. Misure di avanzamento lavori (SAL), di conduzione dell’intervento (tempi, costi, performance), di quantità e qualità dei risultati generati,  di esito generato (benefici, ricadute, impatti), di valutazione finanziaria (rendimento, punto di pareggio).

martedì, 10 Maggio 2011

14:30
15:20

Il nuovo codice dell’amministrazione digitale[w.30b]

Il Master, organizzato da DigitPA e ANCI,è dedicato a illustrare, ai piccoli Comuni e ai Centri servizi Territoriali, le  modifiche normative di maggiore interesse nel nuovo CAD.  Il d.lgs 235/10, entrato in vigore all’inizio del 2011, ha infatti apportato significative novità al Codice dell’Amministrazione Digitale, in termini di azioni concrete, obblighi e scadenze per le Amministrazioni. Un intervento di riforma effettuato con l’obiettivo di realizzare un reale miglioramento nei servizi erogati,  nell’organizzazione delle amministrazioni e nella loro capacità di interagire. Al centro delle novità introdotte, la stretta correlazione fra l’innovazione dei processi amministrativi e la valutazione del personale delle amministrazioni, con la possibilità di riutilizzare i risparmi ottenuti attraverso l’innovazione tecnologica per incentivare il personale interessato e per finanziare nuova innovazione. Verranno affrontati in particolare i temi del documento informatico, delle firme della posta certificata. Come ulteriore elemento di supporto , verranno inoltre illustrate le azioni di accompagnamento alle amministrazioni previste nel testo normativo, quali la definizione puntuale di regole tecniche e linee guida di riferimento, la cui stesura è esplicitamente affidata dal CAD a DigitPA.

mercoledì, 11 Maggio 2011

10:00
10:50

I siti web per la PA[w.27c]

Il Master, organizzato da DigitPA e ANCI,  è dedicato a illustrare, ai piccoli Comuni e ai Centri servizi territoriali, le opportunità che si presentano con un’efficace gestione dei contenuti veicolati dal web, in coerenza con  le indicazioni normative e tecniche previste nella Direttiva 8/2009 e nelle Linee guida per il miglioramento e la razionalizzazione dei siti web pubblici – quali, ad esempio, l’istituzione della figura del Responsabile del procedimento di pubblicazione dei contenuti e  l’iscrizione al dominio .gov.it.  Negli ultimi anni è infatti cresciuta la tendenza delle P.A. a veicolare le informazioni ai cittadini attraverso il consolidamento dei siti web istituzionali e la creazione di siti web specifici, legati a progetti e iniziative dell'ente stesso. Questa positiva spinta alla trasparenza dell’azione amministrativa è avvenuta, però, in assenza di indirizzi chiari e uniformi sui criteri da seguire per assicurare che le informazioni e i servizi offerti siano chiaramente presentati, raggruppati in modo organico, e facilmente raggiungibili dai cittadini. Le “Linee guida per i siti web della PA”, previste dalla direttiva n. 8/2009 del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'innovazione pongono rimedio proprio a questa lacuna.

mercoledì, 11 Maggio 2011

10:00
11:00

L’interoperabilità delle identità digitali europee: i risultati del progetto STORK[lab.257c1]

STORK, un progetto finanziato dal Programma europeo di Sostegno alle Politiche ICT (ICT-PSP) del Programma Quadro Competitività e Innovazione (CIP), ha realizzato una piattaforma europea per l’interoperabilità delle identità elettroniche (eID). Questa piattaforma consente ai cittadini di usare il proprio identificativo elettronico nazionale in diversi stati europei. I sei casi pilota realizzati dal progetto sono disponibili al pubblico: Autenticazione transfrontaliera per servizi elettronici, Chat più sicura, Mobilità degli studenti, Trasmissioni elettroniche transfrontaliere, Cambio di residenza, Integrazione col portale dei servizi della Commissione Europea.

Alla Pubblica Amministrazione italiana (ma anche alle aziende private) Stork offre la possibilità di fornire servizi elettronici a cittadini stranieri in modo certo e sicuro, senza bisogno di re-identificarli e creare per loro appositi username e password. In questo modo si allarga la platea dei potenziali utenti e clienti dei servizi di rete e si evitano i furti di identità e le truffe elettroniche. Per i cittadini italiani, Stork offre la possibilità di usare il proprio identificativo elettronico – sia esso la Carta d’Identità Elettronica (CIE) o una Carta Nazionale o Regionale dei Servizi (CNS o CRS) – per usufruire in modo sicuro di servizi elettronici offerti da altri paesi dell’Unione Europea (ad esempio, per la trasmissione di documenti necessari all’acquisto di un immobile o per la richiesta di pensione).

DigitPA, che partecipa al progetto insieme al Politecnico di Torino, ha organizzato presso il suo stand una dimostrazione dei risultati di STORK, illustrati dalla dott.ssa Diana Berbecaru, ricercatrice del settore dei sistemi distribuiti basati su infratrutture a chiave pubblica (PKI) e firma digitale

mercoledì, 11 Maggio 2011

11:00
11:50

Il governo dei contratti ICT[w.29c]

A beneficio dei piccoli Comuni e dei Centri servizio territoriali, DigitPA, in collaborazione con ANCI, organizza un Master sui temi della gestione dei contratti ICT finalizzati alla realizzazione di progetti e per la fornitura di beni e servizi, in termini di struttura organizzativa, ruoli, attività, metodi più diffusi, documenti di pianificazione e di controllo, sistema di comunicazione tra il fornitore e l’amministrazione. Saranno fornite indicazioni operative riguardo le fasi che compongono il ciclo di vita della Verifica dei Risultati degli Interventi ICT d’ Innovazione. Le verifiche possono intervenire sia durante la realizzazione dell’intervento (valutazione in itinere), sia dopo un opportuno lasso di tempo dal completamento dell’intervento (valutazione ex post), in modo che sia incluso l’impatto prodotto dal progetto e verificati gli esiti generati. Verrà inoltre presentato il “Dizionario degli indicatori per la verifica dei risultati", utilizzabili per la misure di valutazione. Misure di avanzamento lavori (SAL), di conduzione dell’intervento (tempi, costi, performance), di quantità e qualità dei risultati generati,  di esito generato (benefici, ricadute, impatti), di valutazione finanziaria (rendimento, punto di pareggio).

mercoledì, 11 Maggio 2011

12:00
12:50

Il nuovo codice dell’amministrazione digitale[w.30c]

Il Master, organizzato da DigitPA e ANCI,è dedicato a illustrare, ai piccoli Comuni e ai Centri servizi Territoriali, le  modifiche normative di maggiore interesse nel nuovo CAD.  Il d.lgs 235/10, entrato in vigore all’inizio del 2011, ha infatti apportato significative novità al Codice dell’Amministrazione Digitale, in termini di azioni concrete, obblighi e scadenze per le Amministrazioni. Un intervento di riforma effettuato con l’obiettivo di realizzare un reale miglioramento nei servizi erogati,  nell’organizzazione delle amministrazioni e nella loro capacità di interagire. Al centro delle novità introdotte, la stretta correlazione fra l’innovazione dei processi amministrativi e la valutazione del personale delle amministrazioni, con la possibilità di riutilizzare i risparmi ottenuti attraverso l’innovazione tecnologica per incentivare il personale interessato e per finanziare nuova innovazione. Verranno affrontati in particolare i temi del documento informatico, delle firme della posta certificata. Come ulteriore elemento di supporto , verranno inoltre illustrate le azioni di accompagnamento alle amministrazioni previste nel testo normativo, quali la definizione puntuale di regole tecniche e linee guida di riferimento, la cui stesura è esplicitamente affidata dal CAD a DigitPA.

mercoledì, 11 Maggio 2011

15:00
16:00

L’interoperabilità delle identità digitali europee: i risultati del progetto STORK[lab.257c2]

STORK, un progetto finanziato dal Programma europeo di Sostegno alle Politiche ICT (ICT-PSP) del Programma Quadro Competitività e Innovazione (CIP), ha realizzato una piattaforma europea per l’interoperabilità delle identità elettroniche (eID). Questa piattaforma consente ai cittadini di usare il proprio identificativo elettronico nazionale in diversi stati europei. I sei casi pilota realizzati dal progetto sono disponibili al pubblico: Autenticazione transfrontaliera per servizi elettronici, Chat più sicura, Mobilità degli studenti, Trasmissioni elettroniche transfrontaliere, Cambio di residenza, Integrazione col portale dei servizi della Commissione Europea.

Alla Pubblica Amministrazione italiana (ma anche alle aziende private) Stork offre la possibilità di fornire servizi elettronici a cittadini stranieri in modo certo e sicuro, senza bisogno di re-identificarli e creare per loro appositi username e password. In questo modo si allarga la platea dei potenziali utenti e clienti dei servizi di rete e si evitano i furti di identità e le truffe elettroniche. Per i cittadini italiani, Stork offre la possibilità di usare il proprio identificativo elettronico – sia esso la Carta d’Identità Elettronica (CIE) o una Carta Nazionale o Regionale dei Servizi (CNS o CRS) – per usufruire in modo sicuro di servizi elettronici offerti da altri paesi dell’Unione Europea (ad esempio, per la trasmissione di documenti necessari all’acquisto di un immobile o per la richiesta di pensione).

DigitPA, che partecipa al progetto insieme al Politecnico di Torino, ha organizzato presso il suo stand una dimostrazione dei risultati di STORK, illustrati dalla dott.ssa Diana Berbecaru, ricercatrice del settore dei sistemi distribuiti basati su infratrutture a chiave pubblica (PKI) e firma digitale

giovedì, 12 Maggio 2011

10:00
10:50

I siti web per la PA[w.27d]

Il Master, organizzato da DigitPA e ANCI,  è dedicato a illustrare, ai piccoli Comuni e ai Centri servizi territoriali, le opportunità che si presentano con un’efficace gestione dei contenuti veicolati dal web, in coerenza con  le indicazioni normative e tecniche previste nella Direttiva 8/2009 e nelle Linee guida per il miglioramento e la razionalizzazione dei siti web pubblici – quali, ad esempio, l’istituzione della figura del Responsabile del procedimento di pubblicazione dei contenuti e  l’iscrizione al dominio .gov.it.  Negli ultimi anni è infatti cresciuta la tendenza delle P.A. a veicolare le informazioni ai cittadini attraverso il consolidamento dei siti web istituzionali e la creazione di siti web specifici, legati a progetti e iniziative dell'ente stesso. Questa positiva spinta alla trasparenza dell’azione amministrativa è avvenuta, però, in assenza di indirizzi chiari e uniformi sui criteri da seguire per assicurare che le informazioni e i servizi offerti siano chiaramente presentati, raggruppati in modo organico, e facilmente raggiungibili dai cittadini. Le “Linee guida per i siti web della PA”, previste dalla direttiva n. 8/2009 del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'innovazione pongono rimedio proprio a questa lacuna.

giovedì, 12 Maggio 2011

10:00
11:00

L’interoperabilità delle identità digitali europee: i risultati del progetto STORK[lab.257d1]

STORK, un progetto finanziato dal Programma europeo di Sostegno alle Politiche ICT (ICT-PSP) del Programma Quadro Competitività e Innovazione (CIP), ha realizzato una piattaforma europea per l’interoperabilità delle identità elettroniche (eID). Questa piattaforma consente ai cittadini di usare il proprio identificativo elettronico nazionale in diversi stati europei. I sei casi pilota realizzati dal progetto sono disponibili al pubblico: Autenticazione transfrontaliera per servizi elettronici, Chat più sicura, Mobilità degli studenti, Trasmissioni elettroniche transfrontaliere, Cambio di residenza, Integrazione col portale dei servizi della Commissione Europea.

Alla Pubblica Amministrazione italiana (ma anche alle aziende private) Stork offre la possibilità di fornire servizi elettronici a cittadini stranieri in modo certo e sicuro, senza bisogno di re-identificarli e creare per loro appositi username e password. In questo modo si allarga la platea dei potenziali utenti e clienti dei servizi di rete e si evitano i furti di identità e le truffe elettroniche. Per i cittadini italiani, Stork offre la possibilità di usare il proprio identificativo elettronico – sia esso la Carta d’Identità Elettronica (CIE) o una Carta Nazionale o Regionale dei Servizi (CNS o CRS) – per usufruire in modo sicuro di servizi elettronici offerti da altri paesi dell’Unione Europea (ad esempio, per la trasmissione di documenti necessari all’acquisto di un immobile o per la richiesta di pensione).

DigitPA, che partecipa al progetto insieme al Politecnico di Torino, ha organizzato presso il suo stand una dimostrazione dei risultati di STORK, illustrati dalla dott.ssa Diana Berbecaru, ricercatrice del settore dei sistemi distribuiti basati su infratrutture a chiave pubblica (PKI) e firma digitale

giovedì, 12 Maggio 2011

11:00
11:50

Il governo dei contratti ICT[w.29d]

A beneficio dei piccoli Comuni e dei Centri servizio territoriali, DigitPA, in collaborazione con ANCI, organizza un Master sui temi della gestione dei contratti ICT finalizzati alla realizzazione di progetti e per la fornitura di beni e servizi, in termini di struttura organizzativa, ruoli, attività, metodi più diffusi, documenti di pianificazione e di controllo, sistema di comunicazione tra il fornitore e l’amministrazione. Saranno fornite indicazioni operative riguardo le fasi che compongono il ciclo di vita della Verifica dei Risultati degli Interventi ICT d’ Innovazione. Le verifiche possono intervenire sia durante la realizzazione dell’intervento (valutazione in itinere), sia dopo un opportuno lasso di tempo dal completamento dell’intervento (valutazione ex post), in modo che sia incluso l’impatto prodotto dal progetto e verificati gli esiti generati. Verrà inoltre presentato il “Dizionario degli indicatori per la verifica dei risultati", utilizzabili per la misure di valutazione. Misure di avanzamento lavori (SAL), di conduzione dell’intervento (tempi, costi, performance), di quantità e qualità dei risultati generati,  di esito generato (benefici, ricadute, impatti), di valutazione finanziaria (rendimento, punto di pareggio).

giovedì, 12 Maggio 2011

12:00
12:50

Il nuovo codice dell’amministrazione digitale[w.30d]

Il Master, organizzato da DigitPA e ANCI,è dedicato a illustrare, ai piccoli Comuni e ai Centri servizi Territoriali, le  modifiche normative di maggiore interesse nel nuovo CAD.  Il d.lgs 235/10, entrato in vigore all’inizio del 2011, ha infatti apportato significative novità al Codice dell’Amministrazione Digitale, in termini di azioni concrete, obblighi e scadenze per le Amministrazioni. Un intervento di riforma effettuato con l’obiettivo di realizzare un reale miglioramento nei servizi erogati,  nell’organizzazione delle amministrazioni e nella loro capacità di interagire. Al centro delle novità introdotte, la stretta correlazione fra l’innovazione dei processi amministrativi e la valutazione del personale delle amministrazioni, con la possibilità di riutilizzare i risparmi ottenuti attraverso l’innovazione tecnologica per incentivare il personale interessato e per finanziare nuova innovazione. Verranno affrontati in particolare i temi del documento informatico, delle firme della posta certificata. Come ulteriore elemento di supporto , verranno inoltre illustrate le azioni di accompagnamento alle amministrazioni previste nel testo normativo, quali la definizione puntuale di regole tecniche e linee guida di riferimento, la cui stesura è esplicitamente affidata dal CAD a DigitPA.

giovedì, 12 Maggio 2011

15:00
16:00

L’interoperabilità delle identità digitali europee: i risultati del progetto STORK[lab.257d2]

STORK, un progetto finanziato dal Programma europeo di Sostegno alle Politiche ICT (ICT-PSP) del Programma Quadro Competitività e Innovazione (CIP), ha realizzato una piattaforma europea per l’interoperabilità delle identità elettroniche (eID). Questa piattaforma consente ai cittadini di usare il proprio identificativo elettronico nazionale in diversi stati europei. I sei casi pilota realizzati dal progetto sono disponibili al pubblico: Autenticazione transfrontaliera per servizi elettronici, Chat più sicura, Mobilità degli studenti, Trasmissioni elettroniche transfrontaliere, Cambio di residenza, Integrazione col portale dei servizi della Commissione Europea.

Alla Pubblica Amministrazione italiana (ma anche alle aziende private) Stork offre la possibilità di fornire servizi elettronici a cittadini stranieri in modo certo e sicuro, senza bisogno di re-identificarli e creare per loro appositi username e password. In questo modo si allarga la platea dei potenziali utenti e clienti dei servizi di rete e si evitano i furti di identità e le truffe elettroniche. Per i cittadini italiani, Stork offre la possibilità di usare il proprio identificativo elettronico – sia esso la Carta d’Identità Elettronica (CIE) o una Carta Nazionale o Regionale dei Servizi (CNS o CRS) – per usufruire in modo sicuro di servizi elettronici offerti da altri paesi dell’Unione Europea (ad esempio, per la trasmissione di documenti necessari all’acquisto di un immobile o per la richiesta di pensione).

DigitPA, che partecipa al progetto insieme al Politecnico di Torino, ha organizzato presso il suo stand una dimostrazione dei risultati di STORK, illustrati dalla dott.ssa Diana Berbecaru, ricercatrice del settore dei sistemi distribuiti basati su infratrutture a chiave pubblica (PKI) e firma digitale

Torna alla lista dei Partner