Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 15:00 a 17:30

Dal “cloud per la PA” alla “PA in cloud”: quali strumenti per la PA in rete? [ O.03 ]

(a cura di IBM e Netconsulting)

IBM e Netconsulting stanno  conducendo  uno studio sui principali cambiamenti in atto oggi nella PA italiana per cercare di comprendere come la visione e la gestione integrata di dati e risorse tecnologiche distribuite, tipica di una certa dimensione del cloud computing, possa contribuire a far evolvere il sistema pubblico verso un modello a rete.
Il cloud per la PA, infatti, non rappresenta soltanto una opzione per l’approvvigionamento di servizi tecnologici... esso può arrivare a diventare il fattore abilitante di un nuovo modello di erogazione del valore pubblico alla collettività.
Cosa occorre fare perchè ciò avvenga? E’ solo un problema della singola amministrazione? O ci vuole qualcosa di più?  Lo studio di IBM e Netconsulting ha l'obiettivo di di delineare alcune risposte possibili.
Anzichè focalizzarsi sull’offerta di servizi e soluzioni, lo studio vuole concentrarsi sulla domanda espressa dalle pubbliche amministrazioni per cercare di comprendere, attraverso  interviste con autorevoli esponenti di Amministrazioni centrali e locali,  quali azioni di tipo sistemico siano oggi necessarie per consentire alla PA di evolvere verso forme sempre più evolute ed integrate di cloud government.

Programma dei lavori

Introduzione

De Marchis
Intervento al convegno O.03 " Dal “cloud per la PA” alla “PA in cloud”: quali strumenti per la PA in rete?"
Biagio De Marchis Direttore Settore Pubblico - IBM Italia Biografia Vedi atti

Ingegnere elettronico, classe 1963, Biagio De Marchis è Vice Presidente di IBM Italia dal 2012. Oggi ne guida il mercato ‘Enterprise - Public’, con una responsabilità che abbraccia grandi imprese e settore pubblico.

Dal 2011, De Marchis ricopre anche il ruolo di Presidente della Sistemi Informativi, società del gruppo IBM attiva nella consulenza e nella realizzazione di soluzioni e servizi IT.

Nel contempo De Marchis fa parte della Giunta di Assonime,  del Comitato di Presidenza di UnIndustria, del quale è anche Presidente del Comitato Ricerca e Innovazione, e del Comitato di Presidenza di Assinform.

La sua esperienza manageriale si avvia con l’ingresso in IBM nel 1989. In 25 anni, De Marchis ha via via ricoperto incarichi di crescente responsabilità, sia in Italia che in Europa e negli Stati Uniti, affrontando le sfide portate da un’Information Technology in continua evoluzione.

E’ stato Vice Presidente di Assinform con delega all’Innovazione tra il 2008 e il 2010, Consigliere di Amministrazione di Agrisan SpA dal 2005 al 2008.

Alla laurea con lode, conseguita all’ateneo “La Sapienza” di Roma,  De Marchis ha aggiunto un Master in Business Administration conseguito all’Henley Management College (Oxfordshire, Regno Unito) e diverse specializzazioni in General Management ottenute presso Università internazionali (INSEAD, IMD, HBS).

Chiudi

Atti di questo intervento

01_o_03_de_marchis_biagio.mp3

Chiudi

Interventi

Capitani
Alcuni spunti emersi nel progetto
Giancarlo Capitani Amministratore Delegato - NetConsulting Vedi atti
Devescovi
La Prospettiva IBM sul Cloud per la PA
Stefano Devescovi Direttore - Sviluppo Mercato Settore Pubblico - IBM Italia Spa Vedi atti

Tavola rotonda

Capitani
Giancarlo Capitani Amministratore Delegato - NetConsulting

Intervengono

Alker
Condivisione del dato e riduzione della spesa corrente: la via del Cloud

 L’intervento di Alker si inserisce all’interno di una tavola rotonda tra amministrazioni e responsabili dell’innovazione nazionale e locale il cui obbiettivo è fare il punto sulle strategie di adozione dei sistemi Cloud nella PA partendo da alcune domande chiave: è preferibile l’adozione di un metamodello comune o si deve privilegiare un approccio bottom-up? Quali sono gli aspetti più critici legati ai vincoli normativi e alle esigenze di sicurezza e di privacy in relazione alla delocalizzazione del dato? Come devono essere caratterizzati i baricentri intorno a cui può ruotare la condivisione delle informazioni? Come ordinare le priorità ed evitare le strettoie del vendor lock?

De Rita
Priorità nei baricentri e infrastrutture condivise: il Cloud oltre gli slogan

 L’intervento di De Rita si inserisce all’interno di una tavola rotonda tra amministrazioni e responsabili dell’innovazione nazionale e locale il cui obbiettivo è fare il punto sulle strategie di adozione dei sistemi Cloud nella PA partendo da alcune domande chiave: è preferibile l’adozione di un metamodello comune o si deve privilegiare un approccio bottom-up? Quali sono gli aspetti più critici legati ai vincoli normativi e alle esigenze di sicurezza e di privacy in relazione alla delocalizzazione del dato? Come devono essere caratterizzati i baricentri intorno a cui può ruotare la condivisione delle informazioni? Come ordinare le priorità ed evitare le strettoie del vendor lock?

Giorgio De Rita Direttore Generale - DigitPA Biografia Vedi atti

Giorgio De Rita, laureato in ingegneria aeronautica a Roma, dove è nato nel 1962. Sposato, ha tre figli. Dal 1988 al 1992 è ricercatore presso NOVA Ricerche e Progetti per l’Innovazione Srl di Roma, Società indipendente di ricerche economiche e sociali.

Dal 1992 al 1998 è ricercatore, come libero professionista, nel campo dell’analisi, dell’interpretazione e della previsione delle direzioni di sviluppo della società italiana; durante questo periodo collabora con le principali Istituzioni pubbliche e private di ricerca economica e con numerose imprese industriali e di servizi.

Dal 1998 al 2000 è Direttore del Servizio Studi della Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza per gli Ingegneri e Architetti Liberi Professionisti.

Da gennaio 2001 a settembre 2006 è Direttore delle Relazioni Esterne e dello Sviluppo di Romeo Gestioni S.p.a.
Da ottobre 2006 a settembre 2009 è Amministratore Delegato di Nomisma Società di studi
Economici S.p.a.
Da ottobre 2009 a dicembre 2009 è Direttore Generale del Centro nazionale per l’informatica nella pubblica amministrazione (CNIPA) e dal 29 dicembre 2009 a oggi Direttore Generale di DigitPA, Ente pubblico non economico che del CNIPA raccoglie e rinnova ruolo e funzioni.

Dal 1994 svolge con continuità incarichi di docenza su “Metodi della valutazione e del controllo nella Pubblica Amministrazione”, “Amministrazione digitale e riforma del CAD” e “ICT a supporto dei processi decisionali nell’organizzazione e nella comunicazione” presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione (sedi di Roma, Bologna e Caserta).

Dal febbraio 2000 al maggio 2004 Cultore della Materia in Scienza delle Finanze presso
l’Università LUISS (Roma).
Dal 2007 al 2009 membro effettivo del Nucleo di Attuazione e Regolazione dei Servizi di pubblica utilità (NARS), struttura tecnica del Comitato Interministeriale della Programmazione Economica (CIPE) della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la valutazione economica e finanziaria delle concessioni di servizi pubblici non ricadenti sotto il controllo di Autorità indipendenti.

Tra gli altri incarichi è stato anche Presidente di Nemetria Immobiliare S.r.l. e Consigliere di
Amministrazione della Associazione Nemetria; Consigliere di Amministrazione di ISCOM S.r.l.; della Fondazione per Economia e la Responsabilità Sociale (FERS); di Irses S.r.l. ; della Associazione Civicom; di NE Nomisma Energia S.r.l.

Da aprile 2012 partecipa ai lavori della Cabina di Regia per l’Agenda Digitale Italiana.

Chiudi

Finocchio
Il Cloud di Stato: architettura necessaria per la condivisione sicura

 L’intervento del Gen. Finocchio si inserisce all’interno di una tavola rotonda tra amministrazioni e responsabili dell’innovazione nazionale e locale il cui obbiettivo è fare il punto sulle strategie di adozione dei sistemi Cloud nella PA partendo da alcune domande chiave: è preferibile l’adozione di un metamodello comune o si deve privilegiare un approccio bottom-up? Quali sono gli aspetti più critici legati ai vincoli normativi e alle esigenze di sicurezza e di privacy in relazione alla delocalizzazione del dato? Come devono essere caratterizzati i baricentri intorno a cui può ruotare la condivisione delle informazioni? Come ordinare le priorità ed evitare le strettoie del vendor lock?

Pietro Finocchio Presidente - AFCEA Biografia Vedi atti

Generale Ispettore Capo del Genio Aeronautico (aus.)Pietro Finocchio

- Nato a Napoli il 31 marzo 1945;
- Ha frequentato l'Accademia Aeronautica di Pozzuoli dal 1963 al1969 come cadetto del corso Borea terzo;
- Ha ottenuto la laurea in Ingegneria Elettronica presso il Politecnico di Napoli con il massimo dei voti.
- Ha prestato servizio presso i seguenti enti:
• Reparto Sperimentale di Volo (RSV) di Pratica di Mare;
• Costarmaereo ;
• Ufficio di Addetto Aeronautico e della Difesa presso l'Ambasciata italiana a Washington;
• Telecomdife .
- Ha il diploma di sperimentatore di sistemi in volo ottenuto presso il Reparto Sperimentale di Volo nel 1977, ha il brevetto di pilota civile e di paracadutista amatoriale.
- Ha ricoperto le seguenti posizioni nel corso della sua carriera:
• Ispettore del Paese ospitante per il programma integrato della NATO per la difesa aerea (Nadge);
• Direttore Tecnico del Reparto Sperimentale di Volo (RSV);
• Direttore del Primo Reparto Manutenzione velivoli Tornado;
• Capo delegazione Italiana per la logistica dei velivoli EFA e AMX presso la SMA quarto Reparto;
• Co-Presidente del Comitato di gestione e membro del Policy Group del programma Anglo-Italiano EH101 dal 1990 al 1996;
• Capo della delegazione italiana al Comitato Esecutivo congiunto e membro del comitato direttivo del programma NH90, dal 1992 al 1996;
• Direttore dell'Ufficio Coordinamento Tecnico della Direzione Generale Teledife, dal 1996 al 1999;
• Capo del Reparto Ricerca Tecnologica di Segredifesa dal 1999-2001;
• Presidente del Panel II (R & T) del WEAG e membro del Comitato R & T della Nato dal giugno 1997 al giugno 2001;
• Direttore Generale di NAHEMA (NATO Helicopter Management Agency) dal 1 ° agosto 2001 al 31 luglio 2004;
• Direttore Generale di TELEDIFE dal settembre 2004 al marzo 2010;

- Da gennaio 2005 è Presidente di AFCEA (Armed Forces Communications and Electronics Association) capitolo di ROMA e dal settembre 2010 è Vice Presidente dell'Istituto Italiano di Navigazione.

- Ha lasciato il servizio attivo il 31 marzo 2010.
- Parla correntemente inglese, francese e portoghese.
- Il Gen. Finocchio è sposato con la signora Enrica ed ha una figlia, un figlio e quattro nipoti.

Chiudi

Giordano
PAL e Cloud: vincoli normativi e opportunità strategiche

 L’intervento di Giordano si inserisce all’interno di una tavola rotonda tra amministrazioni e responsabili dell’innovazione nazionale e locale il cui obbiettivo è fare il punto sulle strategie di adozione dei sistemi Cloud nella PA partendo da alcune domande chiave: è preferibile l’adozione di un metamodello comune o si deve privilegiare un approccio bottom-up? Quali sono gli aspetti più critici legati ai vincoli normativi e alle esigenze di sicurezza e di privacy in relazione alla delocalizzazione del dato? Come devono essere caratterizzati i baricentri intorno a cui può ruotare la condivisione delle informazioni? Come ordinare le priorità ed evitare le strettoie del vendor lock?

Roberto Giordano Lombardia Informatica Vedi atti
Nori
Il Cloud come sistema in cui crescere attraverso utilità condivise

 L’intervento di Nori si inserisce all’interno di una tavola rotonda tra amministrazioni e responsabili dell’innovazione nazionale e locale il cui obbiettivo è fare il punto sulle strategie di adozione dei sistemi Cloud nella PA partendo da alcune domande chiave: è preferibile l’adozione di un metamodello comune o si deve privilegiare un approccio bottom-up? Quali sono gli aspetti più critici legati ai vincoli normativi e alle esigenze di sicurezza e di privacy in relazione alla delocalizzazione del dato? Come devono essere caratterizzati i baricentri intorno a cui può ruotare la condivisione delle informazioni? Come ordinare le priorità ed evitare le strettoie del vendor lock?

Mauro Nori Direttore Generale - INPS Vedi atti
Torna alla home